nebbiaenuvole
guide animazione 2D Photoshop, ImageReady, Swish Max
 
effetto fiamma
___________________
___________________
 
   

Effetto fiamma - Come farsi notare dalle ragazze.
Prima parte: il testo.

Più che altro è che siamo in autunno. Ed io d'autunno comincio ad avere freddo. E quando comincio ad avere freddo metto in pratica quello che ho deciso essere la "meglio soluzione" dopo anni di riflessioni, prove e tentennamenti: m'accendo un fuocherello.
E chi sono io per negare ad altri una roba del genere? Detto fatto metto qui nero su bianco (cioè bianco su nero) una guida pratica per farsi una bella fiammata consolatoria.

Fuor di metafora (che c'entra una cippalippa, ma mi piace un casino scriverlo) questa credo sia la quarta guida per fare del fuoco, e magari è anche la peggiore,visto che ho anche usato un'immagine senza rifarla da capo che, si sa, avvicinarsi troppo al fuoco tanto da manipolarlo non è igienico, come potrebbe assicurarvi Muzio Scevola.

Ops, scordavo: io 'sta roba l'ho trovata girando in giro. Trovato l'immagine non l'animazione. Questa è tutta fiamma ... no, tutta farina di questo sito.

 

1
   

Per prima cosa il testo.

Le dimensioni del file che ho preparato è purtroppo di 5100 x 3300 pixel e dannazione tenete presente che tutti i valori indicati nella guida si basano su quella maledettissima dimensione. Cioè uno può benissimo lavorare su un file più piccolo, ma deve modificare ad occhio i valori delle opzioni di fusione.

Un sistema pratico è quello di copiare le immagini della guida ed incollarle sul vostro file; poi ridimensionandole e sistemandole a registro dovreste avere dei riferimenti di modifica dei valori numerici che qui sono indicati, almeno per la più parte delle operazioni.


Come testo ciascuno scrive quel che più gli aggrada, naturellement.
Io ho usato il font IMPACT di 1250 pixel (una roba che vedono anche i cecati) ed ho scritto FIAMMA, come si vede nell'immagine qui sotto.

Poi l'ho rasterizzato ed ho suddiviso le 6 lettere componenti la parola (vedi più sotto al punto 2)

Si può fare anche al contrario, scrivere 6 livelli di testo, ciascuno con una lettera, sistemarli per benino in orizzontale e rasterizzarli.

Photoshop


2
    Per suddividere alla veloce le lettere consiglio questa procedura.

Duplicare il livello rasterizzato (diciamo livello 1 e livello 2 la copia))


Selezionare l'originale (livello 1), circondare col selettore rettangolare o a mano libera le lettere IAMMA e cancellarle.
Mantenendo la selezione andare sulla prima copia (livello 2). invertire la selezione (avremo selezionato la lettera F) e cancellarla.

Fare una copia di questo livello (diventa livello 3), portarsi sul livello 2, selezionare le lettere AMMA e cancellarle.
Si va sul livello 3, si inverte la selezione (avremo in selezione la lettera I) e si cancella.

E così di seguito, una robetta da 60 secondi di sbattimento.

Ora lavoriamoci la F. I valori da inserire per le opzioni di fusione sono indicati nell'immagine qui sotto, scorrendo sui tasti rossi posti in basso.

 


3
   

Ripeto l'operazione per le altre lettere, in questo modo.

Seleziono il livello 1:
Menù > livelli > Stile livello > Copia stile livello.
Si selezionano gli altri, uno per volta e:
Menù > Livelli > Stile livello > Incolla stile livello.

Ora tocca "congelare" le opzioni di fusione.
Potreste provare a farne a meno e vedere che risultato si ottiene.
Io le ho "congelate", fissate: Si crea un nuovo livello, lo si collega ad un livello testo (mettiamo il livello 1) e si uniscono i due livelli, fondendoli in un unico livello risultante: livelli > unisci collegati.

Lo si fa per tutte le altre 5 lettere.

Passiamo alla deformazione: c'è chi dice di usare il filtro fluidifica, chi sostiene che lo strumento sfumino è il non plus ultra, chi perora la causa del laccetto.
Io che non vivo più di un'ora senza ... scusatemi, mi son lasciato trasportare. Io, dicevo, preferisco qualcosa di ripetibile che magari ci si mette un po' a trovar la gabola, ma poi uno si appunta i valori e non ci pensa più.

Quindi per prima cosa duplico per 7 volte ogni livello di testo, ottenendo 8 copie di ogni lettera. L'originale lo conservo, si sa mai che uno debba rifere qualcosa. Sulle restanti copie applico il ...

Filtro distorsione > onda

con i valori che sono visibili nell'immagine sottostante.
Per le lettere successive si dovrà modificare un solo dato, come si vede sempre nell'immagine sottostante.

 


4
    Ripeto le operazioni (7 copie e poi dai di filtro, che fa meno male se le fumi col filtro)
per le altre lettere.

Se provo a vedere il risultato con Image Ready (rendendo visibileuna serie di lettere per ogni fotogramma) ottengo 'sta roba che si vede qui sotto:

 


5
    Che è tutto tranne una fiamma.

La si migliora.
Mi procuro un'immagine di un bel fuocherello: sulla rete se ne trovano, l'importante è cuccarne una con il fondo nero unito (a parte che quasi tutte hanno il fondo nero unito) per agevolarne lo scontorno.

Ora non è che io sto qui ad aspettare che abbiate trovato il fuoco, quindi per far prima ve ne fornisco uno bell'e acceso. Essendo un png con fondo trasparente dovreste poterlo copiare senza problemi (clic col tasto destro del topino: salva immagine col nome ...) che ha solo il difetto d'essere un po' piccolo. Per averlo grosso il giusto meglio andare con tasto dorato che si trova in cima (ed anche in fondo) a questa pagina, finire sulla pagina degli scarichi, scaricarlo e poi tornare qui.
Solo che se non fate di corsa il fuoco si spegne e bisogna ricominciare da capo.

 


6
    Anche per il fuoco un'avvertenza sulle dimensioni dell'immagine (1280x1464) altrimenti i valori del filtro non funzionano.
Faccio 8 copie della fiamma, raggruppate in un set di livelli.
A ciascuna applico il filtro distorsione > effetto onda modificando di volta in volta il valore Max della lunghezza onda.

 


7
    Poi trascino il set sul file contenente le scritte, lo riduco quanto basta e lo sistemo al di sopra delle lettere come nella figura sottostante. Definisco un'opacità del 50% (qui sotto è al 100% per poterne vedere la posizione).

 


8
   

Duplico il set e lo sposto a destra dell'immagine, come si vede qui sotto


9
    Duplico ancora il set, lo ribalto in orizzontale e lo sistemo nel mezzo, così le fiamme coprono del tutto le scritte:

 

10
   

Duplico i 3 set, lasciandoli lì dive sono, ma ne modifico l'opzione di visualizzazione in "Sovrapponi".
Dall'immagine parrebbe che la fiamma sia calata, ma è che rimettendo ad opacità 50% i i tre set iniziali è calato il contrasto. Niente vieta di lasciarli al massimo di opacità, si perde solo un po' di visibilità del testo.

 

11
   
Con il selettore tarato a sfumatura 30-40 traccio, su un nuovo livello posto in fondo, appena sopra allo sfondo, un'area all'incirca come quella che si vede qui sotto e la riempio di rosso scuro, definendo il livello poaco al 50%.

 

12
   
Creo un nuovo livello sopra a tutti gli altri e traccio, una alla volta, due aree, sempre col selettore tarato a 30-40 di sfumatura e le riempio di nero.
Serviranno a coprire eventuali sbaffi delle fiamme nel corso dell'animazione.

 

13
    Praticamente finito. Si tratta ora di giocare in Image Ready rendendo visibili in sequenza:
una serie di lettere, anche non in sequenza sia all'interno della stessa lettera che fra di loro. Significa in pratica poniamo al fotogramma 1 mostro la prima delle F, la seconda delle I, la terza delle A, etc. Poi al fotogramma 2 mi sposto e mostro la seconda F, la terza I, la quarta a, e così di seguito.

L'alternativa è prepararsi 7 combinazioni di lettere unite fra di loro, riducendo i livelli da 42 (6 lettere per 7 copia fa 42, credo) a 7, il che non guasta, e mostrare un livello alla volta.

Sia in un caso che nell'altro si rende visibile in sequenza una coppia di fiamme.
Ed anche qui questo significa, poniamo al fotogramma 1, mostrare il primo livello dei due set sovrapposti, il secondo livello degli altri due (quelli centrali) ed il terzo dei due di destra.

Le sequenze indicate sono naturalmente un suggerimento, un esempio. Qui uno si anima come più gli aggrada.

 
14
    Un particolare: nell'animazione finale, quella in cima, si vede un gruppo di fiamme che sembra uscire da sotto e si alza al di sopra delle altre finendo fuori schermo.

Lo si ottiene con un'ennesima copia di un set di fiamme a caso, ingrandito in orizzontale ed un pochetto in verticale e poi fatto salire nell'arco dei fotogrammi di animazione esistenti, da sotto le fiamme (c'è il velo nero che ne nasconde la presenza) fino a sparire in alto (anche qui il velo nero lavora come si deve). E lungo il percorso rendere visibile un livello alla volta fra quelli presenti nel set.

Ho trovato che questo movimento dà un tocco realistico a tutto l'ambaradan: provare per credere.
Anzi, no, vi mostro qui sotto l'animazione senza quest'ultima integrazione:

 

       
       

 

 
altre guide
fumo-fuoco
 


Non ho Copyright © poichè non so l'inglese. Il sito è fatto da nebbiaenuvole.com Tutti i diritti sono diritti, che se fossero storti ....
Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
 
Creative Commons License