nebbiaenuvole
guide animazione 2D Photoshop, ImageReady, Swish Max
 
immagini
___________________
 

BRICOL ... AGE

Sta per grafica d'antan, un po' vecchiotta.

Queste pagine sono una raccolta di immagini vecchie vecchie, grafica d'altri tempi, quando i PC avevano lo schermo monocromatico, le schede grafiche non so se c'erano (si c'erano, ma roba tipo l'atari) e c'erano solo in circolazione (ma costosissime) delle workstation (che sarebbero le stazioni di lavoro) dedicate (che vuol dire che facevano solo quello, la grafica appunto). Diciamo un omaggio ai pionieri, va là.

L'uscita (output) era su stampante oppure su diapositiva.
Ok, non sapete cos'è.

Allora, la diapositiva è una pellicola positiva, nel senso che controluce si vede proprio quello che si è fotografato, non come nel negativo che si vede tutto al contrario (lo scuro chiaro, il chiaro scuro, etc). Le diapositive venivano proiettate nelle riunioni di lavoro o d'altro tipo. I raffinatissimi (se facoltosi) disponevano della multivisione, che sarebbe una batteria di proiettori collegati fra loro da un programma che sparava le diapositive in sequenza, ora da uno ora dagli altri proiettori, e magari ci si attaccava un riproduttore di suono per arricchire il tutto (e per coprire il clicchete-clacchete dei telaietti che entravano ed uscivano dai proiettori.
Una cosa mitica, per chi ha avuto l'occasione di assistere.


Di quella produzione lì non restano che le diapositive; per questo le immagini di queste pagine, a volte, sono piene di sporchi o sono un po' fanè.
A proposito di sporchi una cosa che mi hanno raccontato era il fatto dei telaietti. Si, perchè la dia (diapositiva) andava montata sui telaietti per la proiezione, protetta da due vetrini, che col caldo del proiettore raccoglievano peli e pelucchi ed ogni volta occorreva ripulirli per benino.
Altra cosa era il verso. Nel senso che occorreva montare le dia al contrario, sottosopra, e si dovevano mettere tutte in sequenza in un caricatore di una 50ina di dia, che se uno sbagliava le doveva riestrarre e rimettere, facendo attenzione a non sfiorare i vetrini, sennò a ripulire daccapo. Insomma una vitaccia. Ora a noi basta pulire il monitor del PC e le superfici dello scanner e la tastiera dalle tracce di nutella.

Perchè vi racconto queste cose? Non lo so, mi pareva carino spiegare, ecco. Al massimo non le leggete, ok?
Le avete già lette?
Sorry, scurdatev'ille.

   


Ve la ricordate?
Era una pubblicità degli anni 80 (automobili)

Questo non è l'originale. E' roba rifatta qualche anno dopo da una maniga di folli e temerari che giocavano con le macchine volanti (workstation) e solo per vedere se riuscivano a duplicare quella che si vedeva nello spot tv.

Non so se raccontarvi come è stata realizzata.
Oggi si fa molto prima con molta minor fatica.
Mentre ci penso su, cerco altra roba d'altri tempi.

Ah, i colpi di luce sullo sfondo sono sovrapposti in Photoshop, non c'entrano con l'originale)

P.S.: spero che, essendo un lavoro effettivamente realizzato (anche se copiato dall'originale) non preveda il copyright. Facciamo come fosse la copia di un quadro? Tanto c'è scritto che è una copia, no?. Al massimo me lo fanno togliere, ehehe

   
   


 


Qui c'è un particolare della spalla.
Ogni sfumatura era realizzata disegnando aree di dimensioni sempre più piccole, a tinte piatte, sovrapposte, col colore che degradava da un capo all'altro (qui dal bianco all'azzurro)

Si, lo so, c'erano altre parti da ingrandire oltre alla spalla, lo so.

   
   


Ebbene si, tempi duri ed oscuri, roba che farle adesso ci si impiega quasi uguale.
Di matitone ce ne sono tre, tutte in fila, se trovo la terza. (una è quella usata per tutte le pagine vecchio formato)
   
   


Questa è l'ultima. Da qui in poi era possibile acquisire immagini da scanner e realizzare fotomontaggi.
Il tempo di acquisizione era di circa una decina di minuti per foto e l'output andava da 15 a 30 minuti.
   
   


Qui tutto a mano.
Se riesco a scaricare un filmato vi mostro come si lavorava di penna ottica.

Solo che mi sa che non ci riesco.

Ah, questo è un vecchio faro di una vecchia automobile.

Ve l'ho detto, no? Robavecchia.
   
   


Anche qui.

PowerPoint non c'era, e se c'era dormiva.

Mmm .. La torta mi ricorda qualcosa ....
   
   


Allora ...

Il fondo è una foglia cuccata via scanner e desaturata.

Il PC è Olivetti, ma disegnato.

Il logo si vede, disegnato anche lui.

Di tutto ormai resta solo la foglia, mi pare.
   
   


Il fondo è un dipinto impastato con una foglia (sempre la stessa).

Il logo è estruso in riduzione, tipo un tasto della tastiera (o del pianoforte per i musicofili).
Il complicato è rispettare i rapporti poichè, limitandosi ad ingrandire il logo, la cosa non worka, come dicono negli steits.
   
   


Poi c'erano richieste folli che neppure Batman ci sarebbe andato in posti così..

Questa ha anche un'animazione QUI

   
 

Ovviamente N.Y.
Scailain.


Per il riflesso, proprio uguale ad ora.
Copia, incolla e floppa (o flippa, mi confondo sempre).
Sopra, a mo' di mare, una tacca nera, semitrasparente ed alcuni colpi di luce.

Anche questa ha un'animazione QUI
   
   

Logo.

Finto alluminio, mi pare
   
   

Una griglia era un must.

Tutti ad impazzire per le griglie.
E le grigliate.

Anche questa ha un'animazione QUI
   
   

Altro logo.

Finto vetro?
   
   

No comment.
   
           

 

 
 


Non ho Copyright © poichè non so l'inglese. Il sito è fatto da nebbiaenuvole.com Tutti i diritti sono diritti, che se fossero storti ....
Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
 
Creative Commons License