nebbiaenuvole
guide animazione 2D Photoshop, ImageReady, Swish Max
 
farfalla
___________________
prima parte
___________________
 

  Farfalla che si riflette nell'acqua
Prima parte

Si parte da un vecchio CGM (Computer Graphics Metafile) recuperato dall'ex sezione Bricol_age.

La grafica è un po' schematica, ma appunto per questo facile da riprodurre, nel caso vi voleste cimentare col lazo poligonale o con altri strumenti di disegno (drawing).
(Mi piace fare al contrario, prima l'italiano, poi l'inglisc).

Per l'uso del lazo poligonale vi metto il link di un tut animato: Lazo poligonale. Non si tratta di questo disegno, ma il succo è lo stesso. L'unica differenza è che una volta chiusa l'area, prima create un nuovo livello, poi la colorate o coi colori della farfalla qui sotto, o con colori a piacere. Una volta finito, se avete fatto più livelli (cosa che vi consiglio, per far prima a correggere) collegateli ed uniteli in un unico livello, uno per ogni ala, l'altro per il corpo, l'altro per il sasso, uno per il riflesso del sasso ed infine uno per il riflesso dell'ala sull'acqua.

Se tutto questo non vi va di farlo, cliccate sul tasto dorato (in cima o in fondo alla pagina, a sinistra) che vi passo il compito già risolto.

 
 
Tutorial on line


 
1
    Questa è la farfalla con le ali chiuse. Le ali sono su due livelli, ovviamente.
Duplico il livello dell'ala in primo piano e la trasformo, prima in prospettiva, ingrandendo la parte superiore, poi la schiaccio verso il basso.

Photoshop
   

 
2
    Ottengo all'incirca quello che si vede qui sotto. L'ala deformata è quella col bordino nero intorno, l'ala originale è quella più chiara. Questo dà l'idea che l'ala si sia ripiegata verso di noi.
 
   

 
3
    Ora passiamo all'ala nascosta (quella nera).
Faccio la stessa cosa. Prima duplico il livello, poi la trasformo in prospettiva, ma questa volta stringo la parte superiore, quindi la schiaccio verso il basso.
 
   

 
4
    Ottengo pressapoco quello che si vede qui sotto. L'ala deformata è quella nera, l'ala originale è quella più chiara. Questo dà l'idea che l'ala si sia ripiegata dalla parte opposta a noi.
 
   

 
5
    Poi il riflesso. Qui di ali ne mostro una sola. Questa l'ala di partenza. (Il riflesso della pietra qui è schiarito per vedere l'ala).  
   

 
6
    Duplico il livello, lo trasformo in prospettiva esattamente come per l'ala in primo piano: allargo la parte verso il basso e la schiaccio poi verso l'alto. Nella figura l'ala modificata è la più scura.  
   

 
7
    In questo modo il battito delle ali della farfalla è coerente col riflesso sull'acqua:  
   

 
8
    Ora cerco di smuovere le acque. Vi ricordate i psd salvati per fare il riflesso? (Se no, qui vi ci mando dritti dritti)
Bene, li usiamo tutti, senza neppure riscalarli.

Per prima cosa duplico il livello del riflesso della pietra. Collego il livello del riflesso base dell'ala con quest'ultimo e li unisco in un unico livello (chiamiamolo chiuse)
Duplico il livello chiuse ed applico il filtro Menù > distorsione > muovi
Lo uso settando i valori come per il riflesso di cui sopra. Qui comincio con patern-01.psd

Duplico ancora il livello chiuse (non quello appena modificato) ed applico pattern-02-psd.
Vado avanti fino ad esaurire i pattern, ed ottendo 10 livelli vibranti (qui sotto il primo realizzato).
 
   

 
9
    Mi servono due livelli con le ali aperte.
Collego il livello base con le ali aperte con il livello del riflesso della pietra e li unisco in un unico livello che chiamo:
aperte.
Duplico il livello
aperte ed applico il pattern-01
Duplico di nuovo il livello
aperte ed applico il pattern-02.
Qui sotto il primo realizzato.

 
   

 
10
   

A questo punto ho finito la farfalla ed il riflesso sull'acqua.
Il risultato in animazione lo potete vedere nelle
prime due immagini della seconda parte.

 
11
    I cerchi sull'acqua li ho usati per muovere un poco l'ambiente. Ma mi serviva qualcosa che li giustificasse. Ho pensato a dei moscerini, che se sfiorano il pelo dell'acqual la smuonono.

Cominciamo dei cerchi.
Creo un nuovo livello. Con lo strumento ellisse traccio un ovale piccino (non importa la posizione, poi lo posso spostare, ma se proprio mi va di metterlo al punto giusto, lo disegno come nella figura.
Menù > Modifica > traccia.
Sul pop-up scelgo 1 pixel di spessore, colore nero, Posizione: Centro.

   

 
12
    Ripeto l'operazione per altri 3 ovali, di grandezza crescente, come nella figura, ciascuno su un livello diverso.
 
   

 
13
    Creo un set, ci porto dentro i 4 livelli con gli ovali.
Duplico il set e lo sposto sulla sinistra, un poco più in basso. Se gli ovali non sono completi (se ho disegnato sul bordo probabilmente i due ovali maggiori saranno spezzati) ruoto tutto il set in orizzontale (per ruotare tutto un set, collegare - non unire - tutti i livelli del set).
 
   

 
14
   

Sistemo i due set al di sotto di tutti gli altri livelli/set. Nell'immagine sopra si vede il perchè lo devo fare: sono sopra al sasso e devono stare sotto.

Di moscerini me ne faccio 4. Basta creare un livello, disegnare un ovale piccolo (se grande poi lo si riduce) e colorarlo di nero. Duplicare poi quel livello, spostare l'ovale in modo da vedere due alucce, quindi unire i due livelli. Se troppo scuri si interviene con l'opacità. Due li metto in posizione, al centro degli ovali piccoli, gli altri dove capita.
All'animazione ci pensiamo in ImageReady.

 
   

 
15
   

Ultima cosa: I fiori azzurri in basso a sinistra. Io anche qui mi sono procurato il mazzo (nel senso di fiori) utilizzando un vecchio CGM, che comunque trovate inserito sul file che potete scaricare col solito pulsante dorato (Farfalla).
I fiori sono su 4 livelli, con differente grado di opacità. Potete anche aggiungerne altri, duplicando uno dei livelli.
Io li ho anche un poco mossi. Si tratta solo di spostarli leggermente (io uso sempre le freccine a destra) in tempi diversi, a volte in alto, a volte in basso, o a sinistra o a destra.


 

fine prima parte

 
altre guide
riflessione
     
 


Non ho Copyright © poichè non so l'inglese. Il sito è fatto da nebbiaenuvole.com Tutti i diritti sono diritti, che se fossero storti ....
Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
 
Creative Commons License