nebbiaenuvole
guide animazione 2D Photoshop, ImageReady, Swish Max
 
buco nero
___________________
 

   

Buco nero

Che l'importante sarebbe uscirne, anche se pare non si possa.
In compenso se arrivi lì il tempo rallenta quasi all'infinito, ed un secondo è un secolo o anche più.
Peccato che pare che il rallentamento sia solo per gli spettatori, che tu sei lì a cuocere molto in fretta, direi precipitevolissimevolmente.
Sempre che tu sia li, che sei qui allora possiamo metterci a sedere ed aspettare l'eternità per vedere che fine farà chi c'è li.

Dopo l'incipit fuori di testa (che mi seccava non portarmelo qui sul sito) vengo al dunque.
Dunque, qui sul posto c'è una sezione che probabilmente interessa pochino: si tratta dei CGM e delle clipart. Li ci sono parecchie immagini provenienti dagli anni 80, realizzate con workstations grafiche dedicate. Che tradotto in chiaro significa: apparecchiature meccaniche ed elettroniche dotate di programmi per la realizzazione di grafica ad alta definizione e destinate unicamente a tale scopo.

Bien, facendoci un giro mentre stavo rimescolando il posto (da un mese e passa sto tribolando a modificare l'impostazione, i contenuti e l'aspetto di queste pagine) mi sono imbattuto in un'immagine che, così a naso, si prestava ad un lavoretto di animazione.


 

   
2
   

Fra le altre cose mi è venuta subito in mente una roba fatta qualche anno fa che, per una parte dell'animazione, si prestava benissimo quale base di partenza.
Per non tenervi sulle spine vi dico subito dove trovarla: OnTheRoad

Ci ho gabolato un paio di giorni con Photoshop, ho perso qualche ora a districarmi con i tracciati per animare alcune linee che nel disegno sembrano seguire una curva per poi precipitare nel buco nero, poi visto che l'effetto con ImageReady non era proprio quel che mi aspettavo di vedere ho deciso di passare, armi e bagagli, direttamente su SwishMax.

Questa guida deriva dal risultato di quella scelta.


C'è da fare una piccola cosa con Photoshop e poi si tratta di scrivere un sacco di numeri su SwishMax. Il bello è che basta proprio scrivere i numeri e tutto fila liscio.
Almeno spero.

Ah, stateve accuorti quando siete vicini al bordo, che il buco nero l'è tremendo, attira, attira, attiraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

 

   
1
    File nuovo, formato 1400 x 30, fondo nero, fotogrammi al secondo 48.


Creo un nuovo livello e traccio un tronco di cono come quello della figura che poi riempio di azzurro chiaro (#00CCFF).
Potreste tentare con un rettangolo da sistemare poi in prospettiva, riducendo uno dei due lati verticali, ma mi sa che diventa complicato.

Poi seleziono la trasparenza di livello del tronco di cono, copio (CTRL + C), creo un nuovo file, lasciando che Photoshop ne definisca la grandezza ed incollo (CTRL + V).

Oscuro il fondo e salvo come png 24 trasparente (File > Salva per web) con un nome a caso.
Nel mio caso l'ho chiamato L.png.
Photoshop

2
    File nuovo, formato 1280 x 5, fondo chissenefrega.

Riempio il fondo di azzurro chiaro (#00CCFF).

Salvo come ipg (File > Salva per web) con un nome a caso.
Nel mio caso l'ho chiamato LINEA.JPG.
   


 

3
   

Apro SwishMax e definisco un filmato di 1280 x 720, 24 fotogrammi al secondo, fondo nero.

Importo L.png e lo sistemo in posizione orizzontale, in questo modo:

per prima cosa fisso il centro di rotazione come Center right.
Spunto la funzione X=Y per la dimensione,
tolgo lo spunto (o non lo metto) sulla funzione X=Y per la rotazione.

Scrivo direttamente sul pannello Transform i numeri di posizione: X = 1225 - Y = 190.

Copio l'oggetto e lo incollo in posizione (paste in place).
Ne faccio 16 copie alle quali poi applico i valori di rotazione che si possono leggere nella tabella più sotto.
Basta scrivere quei numeri per ottenere questa immagine.

SwishMax
 



 
    Nella tabella qui sotto ci sono i valori da digitare sul pannello transform nelle caselle destinate alla rotazione (quelle riempite di arancio nella figura soprastante).
I valori di posizione restano invariati per tutte le linee.
   
 


Transform
rotazione
X
Y
32
32
28
28
24
24
20
20
16
16
12
12
6
6
0
0
- 8
- 8
- 18
- 18
- 30
- 30
- 44
- 44
- 60
- 60
- 74
- 74
- 88
- 88
- 100
- 100
- 110
- 110
   
4
   

Importo LINEA.jpg e ne definisco alcune opzioni:

per prima cosa fisso il centro di rotazione come Top center.
Spunto la funzione X=Y per la dimensione,
tolgo lo spunto (o non lo metto) sulla funzione X=Y per la rotazione.

Scrivo direttamente sul pannello Transform i numeri di rotazione: X = 50 - Y = 50
Scrivo anche i numeri di ridimensionamento: X = 90 (Y = 90 mi segue da bravo bambino).

Copio l'oggetto e lo incollo in posizione (paste in place).

Ne faccio 17 copie alle quali poi applico i valori di posizione X Y e di trasparenza che si possono leggere nella tabella più sotto.
Basta scrivere quei numeri per ottenere questa immagine:

   
 



 
    Nella tabella qui sotto ci sono i valori da digitare sul pannello transform nelle caselle destinate alla posizione e del ridimensionamento (quelle riempite rispettivamente di rosso e di arancio nella figura soprastante). Accanto ci sono i valori da scrivere nel pannello Tint.
I valori di rotazione restano invariati per tutte le linee.
   
   

Transform
Tint
posizione
dimensione %
Alpha
X
Y
X
Y
%
1166
254
40
40
0
1107
203
50
50
50
1096
213
55
55
80
1082
218
60
60
90
1070
225
70
70
100
1059
240
75
75
100
1043
259
80
80
100
1024
277
85
85
100
993
294
90
90
100
953
316
90
90
100
904
351
90
90
100
844
387
90
90
100
760
420
90
90
80
738
345
90
90
30
393
415
90
90
30
190
460
90
90
80
0
540
90
90
100
-226
595
90
90
100
   
5
    Passiamo all'animazione di queste linee.
Dovrebbero scorrere da destra verso il centro e da sinistra verso il centro, seguendo la diagonale determinata dalla prospettiva del piano. Insomma intrupparsi al centro, ma come se ne arrivassero sempre di nuove e quelle che finiscono nel centro sparissero, posto che il centro è il buco nero.
Anche qui per farlo basterà ricorrere ai numeri presenti sulla tabella sottostante, con un solo accorgimento.

Prima di inserire il numero fate doppio clic sulla linea di animazione di ogni singola linea, in corrispondenza del fotogramma 9.
Si formerà il rettangolo dell'animazione di quei 9 fotogrammi, nei quali i valori di partenza sono quelli digitati al punto 4 e quelli di arrivo mo' li scriviamo.
   
 


 

 
    Ecco i numeri da scrivere in corrispondenza del fotogramma 9.
Attenzione a seguire l'ordine delle linee poichè la riga 1 (1113 - 213, etc) corrisponde alla riga 1 della tabella precedente (1166 - 254, etc). Se scambiate l'ordine vien fuori un guazzabuglio.
Accanto ci sono i valori d'arrivo da scrivere nel pannello Tint.

Se ci fate caso i numeri di arrivo di molte linee linea coincidono con i numeri di partenza della linea successiva. In effetti si deve chiudere il loop, no?
   
   

Transform
Tint
posizione
dimensione %
Alpha
X
Y
X
Y
%
1113
213
40
40
55
1096
213
55
55
50
1082
218
55
55
90
1070
225
65
65
100
1059
240
75
75
100
1043
259
80
80
100
1024
277
85
85
100
993
294
90
90
100
953
316
90
90
100
904
351
90
90
100
844
387
90
90
100
760
420
90
90
80
609
438
90
90
30
460
499
90
90
0
470
361
90
90
0
340
379
90
90
30
150
441
90
90
80
-70
481
90
90
100
   
6
    Ora facciamo il buco nero.
Disegno un'ellisse (lo strumento è quello con il cerchietto rosso).
Rischiaccio lo strumento freccia nera e definisco le caratteristiche dell'ellisse:
vuoto dentro, spessa 3.6, colore azzurro.
   
 

 
7
    Definisco le opzioni che manterrò per tutte le copie di ellisse che costituiranno il buco nero.
Punto di ancoraggio: Center.
Scollego X da Y sia per la dimensione che per l'orientamento.
Oriento l'ellisse con i valori X = 36 Y = 28.
La posizione e la dimensione varieranno.

Copio ed incollo in posizione l'ellisse: ne faccio 17 copie per un totale di 18 ellissi per ognuna delle quali andrò a scrivere i valori riportati nella tabella più sotto.
   
 


 

 
    Tabella dei valori da scrivere sui pannelli Transform, Tint e Shape.
La prima riga è riferita all'ellisse che sarà la più grande, invisibile nel primo fotogramma (Alpha a 0).
   
   

Transform
Tint
Shape
posizione
dimensione %
rotazione
Alpha
spessore
X
Y
X
Y
X
Y
%
518
410
123
133
36
28
0
3.6
510
426
107
116
36
28
100
3.6
506
436
95
103
36
28
100
3.6
501
440
87
94
36
28
100
3.6
506
450
77
83
36
28
100
3.6
492
452
68
74
36
28
100
3.6
480
466
59
64
36
28
100
3.6
472
480
51
55
36
28
100
3.6
460
494
44
47
36
28
100
4
452
501
36
39
36
28
100
4
450
506
31
33
36
28
100
4
442
513
24
26
36
28
100
4
433
520
19
20
36
28
100
4
426
523
15
16
36
28
100
4
425
527
11
12
36
28
100
4
422
529
8
8
36
28
100
4
420
529
5
5
36
28
100
4
420
529
3
3
36
28
100
4
   
8
   
Ora animiamo il buco nero.
Le ellissi dovrebbero scorrere verso i lcentro del buco, riducendosi in grandezza ed a volte in opacità. Per farlo basterà ricorrere ai numeri presenti sulla tabella sottostante, con un solo accorgimento.

Prima di inserire il numero fate doppio clic sulla linea di animazione di ogni singola ellisse, in corrispondenza del fotogramma 9.
Si formerà il rettangolo dell'animazione di quei 9 fotogrammi, nei quali i valori di partenza sono quelli digitati al punto 7 e quelli di arrivo ora li scriviamo.
   
 


 

 
    Ecco i numeri da scrivere in corrispondenza del fotogramma 9.
Attenzione anche qui a seguire l'ordine delle righe. Se lo scambiate ottenete un bordello.

Se ci fate caso i numeri di arrivo di ogni ellisse coincidono con i numeri di partenza dell'ellisse successiva.
   
   

Transform
Tint
Shape
posizione
dimensione %
rotazione
Alpha
spessore
X
Y
X
Y
X
Y
%
510
426
107
116
36
28
30
3.6
506
436
95
103
36
28
30
3.6
501
440
87
94
36
28
100
3.6
506
450
77
83
36
28
100
3.6
492
452
68
74
36
28
100
3.6
480
466
59
64
36
28
100
3.6
472
480
51
55
36
28
100
3.6
460
494
44
47
36
28
100
3.6
452
501
36
39
36
28
100
4
450
506
31
33
36
28
100
4
442
513
24
26
36
28
100
4
433
520
19
20
36
28
100
4
426
523
15
16
36
28
100
4
425
527
11
12
36
28
100
4
422
529
8
8
36
28
100
4
420
529
5
5
36
28
100
4
420
529
3
3
36
28
100
4
420
529
1
1
36
28
100
4
   
9
   
Ora è evidente che il risultato non è proprio quel che uno s'aspetta, vero?
E se sono due manco loro se l'aspettano.
Cioè, la parte intorno e nel buco potrebbe anche passar per buona ma ...
... ma ci vorrebbero piccoli accorgimenti per rendere il tutto più credibile.
Sarebbe meglio se le linee rette arrivassero dal fondo senza che apparissero all'improvviso, così come le ellissi dovrebbero sparire gradualmente all'avvicinarsi al centro del buco.
Insomma se ci provvediamo di un paio di veletti sistemati dove occorre dovremmo ottenere un risultato migliore.
Lo famo?
Dai, famolo.
   
 

 
10
    Torniamo su Photoshop.
Nuovo file, 470 x 570 circa.


Col selettore tarato a 35 di sfumatura traccio un rettangolo in alto a destra e riempio la roba di nero.
Oscuro il fondo e salvo come png 24 trasparente. Chiamiamolo NEROLATO.
Photoshop
 
   

   
11
    Nuovo file, 450 x 450 circa.


Con la stessa taratura traccio una rba tipo patata in centro schermo
Oscuro il fondo e salvo come png 24 trasparente. Chiamiamolo SCURO.
   

   
12
   
Su SwishMax faccio un controllo: dovrei avere le linee fisse sotto, in mezzo le linee che scorrono e sopra a tutto il resto le ellissi. Se non sono in quest'ordine meglio se sistemo le linee fisse al di sotto, mi serve per l'uso dei veletti.

Importo su SwishMax i due veletti.
Sistemo il veletto NEROLATO al di sopra di tutti gli elementi presenti, in alto a destra.

Piazzo SCURO appena al di sotto di NEROLATO nella zona centrale del buco nero (1 nell'immagine)
Faccio una copia di SCURO e la piazzo un po' più in alto (2 nell'immagine) ma sopra alle linee fisse
e quindi al di sotto di tutto il resto.
SwishMax
 
 

 
13
   

Fine della fiera.
Se tutto è in ordine dovrei avere questo risultato, che è poi quello che si vede in cima alla pagina.
E' volutamente accelerato (48 fotogrammi, quello in cima alla pagina è a 32 fotogrammi).

   
 

 
   

fine della guida

 
altre guide
SwishMax
 


Non ho Copyright © poichè non so l'inglese. Il sito è fatto da nebbiaenuvole.com Tutti i diritti sono diritti, che se fossero storti ....
Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.
 
Creative Commons License